Interprete di realtà

Sei proprio uguale a tuo padre

Sei proprio uguale a tuo padre

Sei proprio uguale a tuo padre ☝️

Quante discussioni iniziano così in una coppia?

«E tu, che ti comporti come tua madre!? Poi non dire che lei è una stronza!»

L’avrai visto accadere anche tu decine e decine volte! Non è meraviglioso?

Non sto parlando del battibeccare e sentenziare “tu sei così, così e così” ma del fatto che spesso, e involontariamente, sveliamo nelle nostra parole una grande verità, che potrebbe essere la soluzione di molti problemi… e non ce ne rendiamo conto!

Mi spiego meglio. Quante volte riconosciamo l’origine dei comportamenti del nostro partner in uno o entrambi i suoi genitori?

Conoscendo la famiglia del partner è facile rintracciare questi segni nelle azioni dell’altro, così com’è facile puntare il dito a giudicarlo per questo! Bene, già che lo stiamo giudicando allora, perché non facciamo lo stesso con noi?

Quante volte sappiamo riconoscere l’impronta dei nostri genitori nelle nostre azioni? A posteriori è facile per tutti, ma mi domando, quanto riusciamo a riconoscere se un pensiero, un’azione, anche un’emozione, nasce da noi o è condizionata dalla nostra genealogia?

Spesso si parla di copia&incolla, della mente come tabula rasa che si fa spugna e dal momento in cui veniamo al mondo assorbe ogni informazione del nostro ambiente famigliare, finché queste non formano il nostro sistema di convinzioni.

Quanto ancora oggi – a qualsiasi età – la nostra vita è condizionata dai modelli ricevuti da papà e mamma?

La risposta la puoi trovare solo tu, ma è fondamentale ricordare che questa regola vale anche per l’altro… e, poverino, non ne ha colpa!

Da ieri sto trascorrendo qualche giorno in Puglia con la mia famiglia ed è bellissimo osservare gli sviluppi della loro impronta negli anni. Ho riconosciuto tanti aspetti che ora non mi appartengono più e al tempo stesso scopri MOLTI ALTRI aspetti, chiamiamoli positivi, ereditati e acquisiti da questi due esseri speciali! 👱‍♂️👱‍♀️

Stiamo attenti, però, perché non siamo stati fatti con lo “stampino”! Quando siamo stati concepiti si è formato uno stampino tutto nuovo che sì, può avere lati simili, ma non è mai uguale. Non può esserlo!

Prestiamo più attenzione, quindi, anche a ciò che diciamo all’altro, perché forse non è proprio uguale a suo padre o sua madre! Se continuiamo a ripeterlo però, è come se li condannassimo ad essere così… sentenza dopo sentenza.

Sarebbe interessante iniziare una discussione con l’altro domandando “Tu cosa vuoi veramente?” così creiamo un’opportunità per conoscere il partner oltre la maschera dell’apparenza, oltre i suoi schemi famigliari. E poi, magari, fare lo stesso con noi! 😉

Questo sarà uno dei temi affrontati durante la serata “L’Altra parte di Sé”  a Savona il 30 novembre! Che fai, vuoi venire? Può essere l’occasione per incontrarci finalmente dal vivo e per conoscere anche di più te stess*!

È l’ultimo evento del 2018 per me, poi riceverò solo per consulti individuali a Roma e a Milano fino al 12 dicembre (clicca qui per info).

Buon pranzo, vado a vedere se i miei genitori, oltre a essere modelli di riferimento, sono ancora dei bravi cuochi! 😋

Un abbraccio

Alberto

 

Fotografia @my_littletoddler

Alberto

Attraverso la mia intuizione e la mia sensitività aiuto le persone a trovare soluzioni ai loro problemi e a liberarsi da blocchi energetici e schemi ripetitivi personali-famigliari. Incontro le persone che vogliono scoprire il perché di ciò che accade nella loro vita per poter essere liberi di creare la propria realtà.Incontro le persone che vogliono scoprire il perché di ciò che accade nella loro vita per poter essere liberi di creare la propria realtà.Leggi tutto...

Sii il primo a lasciare un pensiero qui, commenta!
Scrivi un commento

Scrivi un Commento