Interprete e traduttore della realtà

Tarocchi dal 13 al 19 novembre 2017

Tarocchi dal 13 al 19 novembre 2017

Buongiorno! Come state?

Oggi sono ancora a Savona, per un ultimo giorno, dopo un weekend in cui grazie ai Tarocchi ho potuto incontrare tante persone diverse. Prima con una serata di letture pubbliche, poi tramite i consulti individuali, con cui ho sempre l’opportunità di crescere tanto grazie alle storie ascoltate. Nelle mie letture, invito le persone a farsi delle domande, cercando di essere il più possibile sinceri con se stessi. Questo non è sempre facile, soprattutto quando si è abituati a lungo a fare il contrario.

La lettura di questa settimana ricorda un’importante dinamica che muove diversi rapporti umani. Quella della vittima-carnefice. Siete abituati a pensare che alcuni sentimenti esplosivi, come la rabbia o l’aggressività, siano reazioni “necessarie” rispetto al comportamento degli altri? 

Oggi l’invito è quello di chiedersi cosa nascondono questi sentimenti e cosa, chi, o meglio, quale parte di voi state cercando di proteggere quando li mettete in atto. Non è mio compito, né quello dei Tarocchi, darvi la risposta, ma c’è qualcosa che potete fare sin da ora. Smettere di dare la colpa delle vostre reazioni agli altri.
Sarà il passaggio dal Diavolo alla Casa Dio (la Torre) di queste carte settimanali, sarà la luna nuova di questo sabato, ma è come se un velo stesse cadendo e, guardandovi allo specchio, vedete emergere una parte di voi che per molto tempo è rimasta in silenzio.

Se siete stufi di portare una maschera, non prendetevela con la prima persona che incontrate perché non vi vede o non vi riconosce. Siate voi stessi i primi a mostrarvi! Non vi viene chiesto di mostrarvi nudi e crudi, ma almeno di iniziare esprimere i vostri desideri. Non è il momento di distruggere le maschere, ma di togliervi i costumi di scena quasi scucendoli, filo dopo filo.

Questa settimana la comunicazione è importante, ma se è da tanto tempo che non “dite la vostra” e per la prima volta vi permettete di avere voce in capitolo, andateci piano. Avete accumulato una lunga lista di desideri, ma scegliete il monotasking e prendetevi cura di un bisogno alla volta. Sarà più facile gestire i rapporti con gli altri se invece di pretendere, tutto d’un tratto, quello che non avete mai avuto, iniziate a chiedere. In questo modo sarà la vita stessa a mostrarvi, passo dopo passo, che tutto quello che desiderate è a portata di mano. Dopo una lunga passeggiata nel deserto è sconsigliato bere litri d’acqua tutti d’un tratto. Sorso dopo sorso riuscirete a riprendervi ciò che vi sembra vi sia stato tolto. Il punto centrale di questa lettura è che nessuno vi ha tolto niente. Le cose che ci capitano nella vita sono proprio quelle di cui abbiamo bisogno e le domande su cui riflettere sono: Cosa desidero? Cosa credo di volere? Ho bisogno di questa cosa che chiedo con insistenza? O la vita mi sta insegnando che posso vivere anche senza? Fortuna che abbiamo più di una settimana per capirlo, ma conoscere di cosa abbiamo davvero bisogno è, forse, il segreto per iniziare a sentirci e a essere più ricchi.

Buon lunedì e felice inizio settimana!

Alberto

 

🌏 Condividete questo post e portate ricchezza nella vostra realtà!

Alberto

Interprete e traduttore della realtà: così mi definisco oggi. Uso i Tarocchi come strumento per esprimere e conoscere meglio se stessi. Leggi tutto...

Sii il primo a lasciare un pensiero qui, commenta!
Scrivi un commento

Scrivi un Commento